WDC L'Aia - 19/22 agosto

Tutto sui tornei all'estero. Circuiti stranieri, informazioni, classifiche, ecc.

Re: WDC L'Aia - 19/22 agosto

Messaggioda Francesco » martedì 10 agosto 2010, 20:46

Se con "il mio minion più fidato" intendi quello che cerca costantemente di farmi fuori prima del 1904, sto a posto...
Comunque, un'organizzazione alla Fulvio!
La filosofia è come la Russia: piena di paludi e spesso invasa dai tedeschi.
Avatar utente
Francesco
 
Messaggi: 1580
Immagini: 59
Iscritto il: martedì 18 maggio 2010, 21:49
Località: Roma
Medaglie: 8
Partecipazione al Master (3) Vittoria Tappa CISD (1)
Argento Tappa CISD (1) Bronzo Tappa CISD (2)
Socio Sostenitore (1)
Nome su webDiplo: BreathOfVega

Re: WDC L'Aia - 19/22 agosto

Messaggioda Francesco » domenica 15 agosto 2010, 15:21

Tanto per aggiornare il mondo (che sicuramente sarà interessatissimo....)
Il 18 vado a prendere Fulvio, quindi Davide che arriva a Roma alle 12.30. Andiamo direttamente da Luca, a Fano, dove parcheggiamo la mia macchina e prendiamo la LucaMobile direttamente per Milano, destinazione Cleofather Mansion. Dove, se non ho capito male, c'è in programma una partita di diplomacy, tanto per non perdere l'abitudine. Il 19, con l'aggiunta di Marco, si parte tutti insieme.
Giuseppe invece viene con l'aereo.
Non pervenuto Alex..! Buuh!
La filosofia è come la Russia: piena di paludi e spesso invasa dai tedeschi.
Avatar utente
Francesco
 
Messaggi: 1580
Immagini: 59
Iscritto il: martedì 18 maggio 2010, 21:49
Località: Roma
Medaglie: 8
Partecipazione al Master (3) Vittoria Tappa CISD (1)
Argento Tappa CISD (1) Bronzo Tappa CISD (2)
Socio Sostenitore (1)
Nome su webDiplo: BreathOfVega

Re: WDC e EDC - Resoconto

Messaggioda cranberry » lunedì 6 settembre 2010, 10:29

A distanza di una settimana riesco finalmente a trovare il tempo per scrivere il resoconto di questo divertente viaggio “diplomatico” per l’Europa.
Il viaggio parte mercoledì 18 agosto da un piccolo paesino della Calabria, Rossano, dove il calabro-milanese più famoso d’Italia (almeno nel nostro hobby :D ), certo Davide Cleopadre, si imbarca su un pulman diretto a Roma dove lo attendono altri due componenti del viaggio, Francesco Conte e Fulvio De Persio. Il terzetto poi arriva in auto fino a Fano, e siamo già al 19 agosto, dove da casa mia proseguiamo per Varedo e passiamo la notte nella Cleopadre’s house. Il giorno seguente arriva in treno anche il buon Ferrari e tutti e 5 partiamo alla volta dell’Olanda.
Il primo problema che ci si presenta subito durante il viaggio è come far star zitto Davide che parla in modalità “non-stop”. All’inizio lo lasciamo parlare cercando di prenderlo per “sfinimento” poi quando ci accorgiamo che la tattica non funziona iniziamo a tastargli tutto il corpo in cerca di un “interruttore di spegnimento” on/off , quando ci rendiamo conto che non c’è ci rassegniamo a sopportarlo fino al ritorno :? .
Ad essere sinceri anche il De Persio non scherza in fatto di parlantina tanto che capiamo ben presto che l’unico modo per starsene un po’in pace è quello di metterli insieme e lasciarli parlare di geopolitica del XX secolo.
Arrivati in Olanda la sera di giovedì 19 ci alloggiano in un ostello di Den Haag al limite della decenza, letti a castello, niente asciugamani, moquette puzzolente, pranzo quasi inesistente, cena appena sufficiente. Ma d’altra parte siamo in Olanda e non si può pretendere di mangiare come a Milano, anzi no, volevo dire Fossombrone .
Al WDC ci sono circa 75 giocatori in gran parte ovviamente europei, le nazioni più rappresentate sono Francia e Germania, poi a seguire Italia (con ben 8 giocatori), Inghilterra, Svezia, Olanda, Belgio. Un rappresentante arriva addirittura dal Lussemburgo. Fuori Europa sono rappresentati Stati Uniti, Australia, Nuova Zelanda e Canada.
Il giorno dopo inizia ufficialmente il WDC, nelle prime due partite mi capitano rispettivamente Turchia e Italia, chiudo a 8 centri la prima partita e con un solo centro la seconda. Nel frattempo mi rendo conto di quanto è pessimo il sistema di punteggio che premia le eliminazioni ad oltranza e i giocatori che fanno tanti centri a discapito dei giocatori meno esperti. L’argomento sarà poi di profonda riflessione durate tutto il viaggio di ritorno.
Il secondo giorno (e siamo arrivati a sabato 21 agosto) sono in programma altre due partite. Il sorteggio è più fortunato, mi capitano Francia e Inghilterra, peccato che i risultati finali non migliorino molto, 8 centri con la Francia (2° posto) e appena 4 con l’Inghilterra (4° posto). Alla vigilia della partita finale sono 29° in classifica, risultato che non mi soddisfa per niente. Inoltre, a peggiorare le cose, sono il primo degli italiani e questo ci dovrà far riflettere su cosa non ha funzionato nel nostro modo di giocare.
Domenica 22 agosto parte il top table e l’ultima partita. Al top table sono approdati i “soliti noti” Gwen Maggi, Igor Kurt, Fabian Straub, Frank Oschmiasky oltre ad un canadese ed un australiano e a Xavier Blanchot famoso campione francese di qualche anno fa. Alla fine vincerà Gwen, secondo Igor Kurt e terzo proprio Xavier Blanchot. Un po delusi i tedeschi che con 3 giocatori al top puntavano al titolo.
Nella mia ultima partita finisco secondo con 8 centri con la Germania. Questo risultato mi fa migliorare leggermente la mia posizione in classifica e finisco il WDC al 23° posto. Secondo degli italiani arriva il buon Giuseppe Salerno (credo 39°) e poi gli altri dietro. Certo si sperava in qualcosa di meglio ma ci siamo comunque divertiti.
Durante il WDC la sera si usciva a visitare la città con tanto di visitina al quartiere a luci rosse distante a poche centinaia di metri dal nostro ostello e lì qualche tentativo di “approccio” alle bellezze locali ci sarebbe anche stato se non foss’altro per l’improvvisa apparizione di un “moralizzatore” , tal Francesco Conte da Roma, il quale non lesinava litanie e anatemi contro coloro che si lasciavano prendere dai piaceri della carne minacciando perfino la scomunica papale :lol: . Moralizzati da un simil soggetto nessuno si è azzardato a tentare approcci anche se, a dire il vero, l’ultima sera c’è stato uno di noi che è svicolato al controllo del moralizzatore e senza tanti preamboli ha approfittato dell’avvenenza di una signorina ma qui non si possono fare ne nomi ne cognomi, la lunga mano del moralizzatore lo potrebbe colpire anche a distanza di tempo :) . In ogni caso tante risate e allegria.
Domenica pomeriggio 22 agosto, dopo le premiazioni, salutiamo Giuseppe, Marco, Luigi e Alberto Capponi e partiamo in 4 alla volta del Belgio, a Namur per la precisione, dove ci aspetta Jean Louis Delattre, giocatore belga che gentilmente ci offrirà la sua ospitalità per un paio di notti. Jean Louis abita in una grande casa in aperta campagna insieme alla moglie Yolande e ben 4 figli di 1,4, 8 e 10 anni. Vi lascio immaginare quale caos regnava in quella casa :lol: . Tuttavia ci siamo subito adattati e fatto amicizia con moglie e figli. Il giorno dopo siamo andati a visitare Bastogne e il famoso museo della battaglia delle Ardenne e quindi abbiamo accompagnato Fulvio all’aeroporto di Charleroi per il ritorno in Italia. Martedì 24 agosto salutiamo Jean Louis e famiglia e partiamo alla volta del Lussemburgo e di Reims dove arriviamo a sera. Lì io ebbi la malsana idea di proporre di andare a mangiare una pizza in un ristorante calabro-francese (ma sicuramente di calabrese aveva ben poco), ordinai una pizza “carbonara” ma di certo non avrei mai pensato che mi avrebbero portato una pizza con sopra penne alla carborara!! Se non era per Francesco che dopo un’alzatina di spalle mi offrì gentilmente la sua pizza e mangiato la mia avrei sicuramente saltato la cena. Grazie Francesco!! :)
Mercoledì 25 agosto si riparte alla volta della bellissima regione dello Champagne, ci facciamo un bel giro turistico in auto e alla sera decidiamo di approdare direttamente a Parigi con un paio di giorni di anticipo in modo da avere un po’ di tempo per visitare la città. L’albergo non è niente di eccezionale ma la posizione è centralissima e il costo (il proprietario è Xavier Blanchot) davvero irrisorio. La sera decido di fare un po’ di nigthlife in discoteca da solo in barba al moralizzatore e al povero Davide ormai suo completo succube .
Il giorno dopo lo dedichiamo interamente alla visita del museo del Louvre che vale veramente la pena di vedere. Bellissima tutta la parte storica e i dipinti italiani. La sera cena ad un ristorante indiano con Davide (ma senza lume di candela :roll: ).
Venerdì 27 parte l’EDC con la partita a 18 centri, io decido di saltarla e passo la giornata con Marco e Alex a Montmartre nel frattempo arrivati rispettivamente in treno e aereo.
Sabato 28 inizia il mio EDC, nelle due partite della giornata mi capitano Italia e Francia e finisco rispettivamente con 7 e 10 centri. Un buon risultato ma non sufficiente per darmi il top table in quanto mi mancano i punti della prima partita. Al top vanno i soliti Gwen, Fabian, Igor, Frank Oschmiasky, Du Pontavice e altri 2 giocatori semisconosciuti. Alla fine questa volta vincerà un tedesco, Fabian Straub.
Domenica 29 gioco la mia ultima partita con l’Inghilterra e finisco con appena 2 centri dopo una partita giocata davvero male. Alla fine sarò 20° in classifica su circa 50 giocatori. Anche qui non è andata bene ma mi sono comunque divertito tanto. Inoltre, piccola consolazione, nelle 8 partite giocate fra WDC e EDC non sono mai stato eliminato.
Il pomeriggio del 29 io, Davide, Francesco e Alex partiamo subito per l’Italia e arriviamo intorno a mezzanotte a casa di Davide. Dopo qualche ora di sonno salutiamo Davide e partiamo per Verona dove lasciamo Alex, poi diritti a Fano dove Francesco prende la sua auto e ci salutiamo.
Durante il viaggio abbiamo parlato di tutto un po’, delle tappe del CISD, dei sistemi di punteggio, del nostro modo di giocare rispetto agli stranieri, del Festival della Diplomazia di Roma in ottobre, del siti web che trattano di diplomacy, si insomma è stato un viaggio di ritorno direi costruttivo.
Quello che ne è emerso e che si cercherà nel 2011 di uniformare il sistema di punteggio delle tappe italiane “consigliando” un sistema che non costringa i giocatori ad eliminare i più deboli ma anzi incentivi a far restare tutti in gioco . Inoltre a Milano si dovranno presentare i BID delle tappe del 2011 in modo da decidere in quella sede quali e quante tappe fare. Forti pressioni sono arrivate da più parti per una riduzione delle tappe.
Nel complesso è stata una vacanza “diplomatica” veramente piacevole e divertente, tutti hanno portato il loro contributo di allegria e spero prima o poi di rifarla. Un grazie sentito va a tutti i miei compagni di viaggio (Davide, Francesco, Fulvio, Marco e Alex) e a tutti i giocatori che sono venuti al WDC e all’EDC. Anche se i risultati non sono arrivati come speravamo abbiamo comunque fatto sapere a tutto l’hobby mondiale che l’Italia è presente e che sta facendo la sua parte alla crescita dello stesso. Un ringraziamento particolare al riguardo va a Marco Ferrari che con il lavoro che sta facendo a Milano è riuscito a portare ben 5 giocatori lombardi su 8 al WDC.
Foto e altri commenti li trovate nel mio profilo di facebook.
Luca Pazzaglia.
Dott. Comm.,Figl di putt, gran test di cazz, stronz, gran farabutt, pezz di merd, grand pezz di merd (ma molto meno di Fulvio De Persio), colui-che-è-scritto-in-giallo-ma-che-ha-il-quintuplo-di medaglie-di-altri-scritti-in-giallo.
cranberry
Amministratore
 
Messaggi: 400
Immagini: 20
Iscritto il: martedì 18 maggio 2010, 16:02
Località: Fano (Pu)
Medaglie: 25
Partecipazione al Master (5) Vittoria CISD (3)
Bronzo CISD (2) Vittoria Tappa CISD (7)
Argento Tappa CISD (6) Bronzo Tappa CISD (1)
Socio Sostenitore (1)

Re: WDC L'Aia - 19/22 agosto

Messaggioda Fulvio » mercoledì 8 settembre 2010, 2:17

Cavolo Luca, in Francia in discoteca...se c'ero pure io, e con "il Moralizzatore" fuori gioco...facevamo dei numeri che se li ricordava tutta Parigi fino al 2020.
"There exist 10 kinds of people: those who understand binary and those who don't."
"If debugging is the process of removing bugs, then programming must be the process of putting them in."
"Gli alleati sono come dei palloncini, appena gli pianti un chiodo dietro la schiena spariscono immediatamente."
Fulvio
Amministratore
 
Messaggi: 888
Iscritto il: domenica 20 giugno 2010, 18:11
Località: Roma
Medaglie: 7
Partecipazione al Master (1) Argento Tappa CISD (1)
Bronzo Tappa CISD (4) Socio Sostenitore (1)

Precedente

Torna a Diplomacy dal vivo all'estero

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron